domenica 1 febbraio 2009

L'ultimo gioco in città (LE SCOMMESSE SONO CHIUSE)

V — SE CI FOSSE LUCE

Il contrario dei sentimenti sono le cose.
Questa lampada fu accesa prima delle ferie e dimenticata.
È accesa da sei settimane.
Il narratore ne La forza dei sentimenti (Alexander Kluge, 1983).


gioco.jpg

gioco2.jpg

175.jpg

Indovina da che film è tratta questa immagine e vinci tre fotoni. Altrimenti, aspetta il fotogramma di mercoledì e vinci due fotoni. Venerdì aggiungerò ancora un'immagine: allora sarà bellissimo, e basterà un fotone.
AGGIORNAMENTO (mercoledì 4 febbraio): La polizia ha rinvenuto un'impronta. Ma sta calando la notte: due fotoni a chi risolve il caso.
AGGIORNAMENTO (venerdì 6 febbraio): Dalla nebbia emerge un volto. Sembra l'immagine finale di Diary of the Dead. Questo falso uomo sa solo guardare. Non bacerà mai nessuno. Guardalo anche tu, e riconoscilo: riceverai il fotone di cui è fatto l'incubo.
P.S.: Ti ricordo che le regole de L'ULTIMO GIOCO IN CITTÀ™ sono depositate presso il notaio Altamante Fruzzetti e possono essere consultate qui.

ATTENZIONE: LA PARTITA SI È CONCLUSA VENERDÌ 6 FEBBRAIO ALLE 14.59.
ALFRED HITCHCOCK DEBUTTA A VENTISEI ANNI, FIRMANDO UN CONTRATTO DI TRE FILM CON MICHAEL BALCON. I PRIMI DUE ("THE PLEASURE GARDEN" E "THE MOUNTAIN EAGLE") SONO FIASCHI CLAMOROSI. IL PRODUTTORE LI BOLLA COME TROPPO "ARTY" E "HIGHBROWED". HITCH CAPISCE CHE SE NON IMBROCCA IL TERZO, NON SCATTERÀ MAI PIÙ UNA POLAROID (PASSAMI L'ANACRONISMO E IL SALE) PER IL RESTO DELLA SUA VITA. ALLORA GIRA "IL PENSIONANTE — UNA STORIA DELLA NEBBIA DI LONDRA", SUO PRIMO CAPOLAVORO, RICONOSCIUTO DA UN ARCOMANNO NASCOSTO SOTTO IL BASCO.
LA PROSSIMA SFIDA SI TERRÀ DOMENICA 8 FEBBRAIO.

L'ULTIMO GIOCO IN CITTÀ.
GRADUATORIA

afasol: 8 fotoni.

arcomanno: 3 fotoni.

21 commenti:

Anonimo ha detto...

Mumble mumble... quien sabe? Forse è meglio che vada a studiare altrimenti martedì farò la fine dei tuttofare di Delicatessen.

afa

alt ha detto...

Mercoledì, non martedì (grunf grunf e uaf uaf).

i. ha detto...

Il pozzo e il pendolo di R. corman?
i.

alt ha detto...

None, i. Riprova!

Anonimo ha detto...

Sparo (just to make a cucu):
"L'ombra del passato" di Edward Dmytrick?

Bianca

alt ha detto...

No, sei fuori strada. Tieni conto che non ho manomesso in alcun modo il fotogramma, e se la memoria non m'inganna, il film di Dmytrick non è in bianco e nero filtrato in seppia o altro che sia.

guglielmo ha detto...

Questo è davvero impossibile, si fa anche fatica a datarlo

alt ha detto...

Impossibile, forse. Diciamo che bisogna aver visto il film (non ci sono indizi, nel testo) e ricordarselo. O aspettare mercoledì. Comunque, nulla impedisce di sparare, come ha fatto l'intrepida Bianca.

Anonimo ha detto...

"Il lampadario non è il lampadario" di Lukif al-Aladin.

Bianca

alt ha detto...

Non fare la finta tonta: lo sai benissimo che il mitico "Il lampadario non è il lampadario" è definitivamente perduto. Come molti film e come le missioni impossibili, ha negato se stesso, autodistruggendosi.(1) Resta solo il fotogramma sbiadito di un tappeto, che non dà neppure un tono all'ambiente.

1: Tutti i film, fino al 1950, hanno un supporto in nitrato di cellulosa. Esso comincia a corrompersi già dal momento della fabbricazione. La degenerazione, più o meno lenta ma irreversibile, segue diversi stadi: la pellicola si restringe, poi diventa molle, le spire si ricompattano e trasudano “miele”, infine, all’ultimo stadio, decade letteralmente in polvere.
Michele Canosa, “La memoria di ciò che non ho vissuto. N.d.C.”, in Jean Louis Schefer, L’uomo comune del cinema (traduzione di Michele Canosa), Quodlibet, Macerata 2006, p. 196, n. 37.

Anonimo ha detto...

Perbacco Alt! ll tuo non è un comm., bensì un altro bellissimo post! Lo dicevo io (cioè, non proprio io): “A memoria di rosa, non si è mai visto morire un giardiniere”.

Bianca

alt ha detto...

Sogno o son dust?
Dadadà Diderutto, Batman's Dream (trad. it. ma anche .it di Scortichini Guido), ed. Vallasapé, Pizzighettone 2009, p. 0.

Anonimo ha detto...

@ Alt. Menomale che nemmeno tu hai capito, sennò mi sentivo peggio.

@ Afasol. Scusami, cacchio dici? Mi hai fatto venire la nuvolanza.

@ Amici che vivono a Parigi. Se andate alla mostra di cui Afasopr (grazie, Afasopr), non mancate di andare a dare uno sguardo ai libri di Orecchio Acerbo: stupendi.

@ De Mauro. Urge aggiugere nuove voci al glossarietto:
captcha
meglio nota come mia zia
pixel più a sud
untesses

Bianca

Anonimo ha detto...

Oh cavolo... ho sbagliato post!
Chiedo perdono a tutti.
Bianca

arcomanno ha detto...

Sarà mica Stalker?

Nooooo.... non ci siamo...

alt ha detto...

Infatti siamo in tutt'altre zone, in questo caso.

Anonimo ha detto...

ma.. all'uomo che ride non ce somiglia pe gnente!
mmh "l'uomo che ride" di Paul leni?
i.

alt ha detto...

Mica male, i.: hai sbagliato solo di un anno. Riprova!

Anonimo ha detto...

the lodger - il portiere
di alfredino hitchcock
credo 1927

arkulari (ché non c'ho voglia di scrivere foickies)

alt ha detto...

Volendo pignolare in Italia il titolo è "Il pensionante", ma direi che ci siamo.
Ci siamo meno sul knick, ma sento puzza di arcomanni.
Quanto ai foickies, direi che sono io che non ci sto proprio con la testa. Chevvordi'?

arcomanno ha detto...

era il captcha. E comunque l'ho dovuto scrivere perché non ero loggato. Vabbuo'.

Miii... allora ho vinto! Mi faccio i complimenti da solo. Peccato, era un solo fotone: certo, a questo punto non era difficile...