venerdì 2 aprile 2010

Dacci un taglio

— … è come se l'avessi letta perché io lo so che cosa c'è scritto, eh eh! Perché c'è, lì, quello che il pubblico di sinistra vuole sentirsi dire, no, capito? Berlusconi che si fa il lifting, che gli riesce male, il trapianto di capelli, gli riesce bene, tutti a ridere!
— Ma questo non è il mio film, però!
— E vabbene, non è il tuo film, ma tutti a ridere, cosa c'è da ridere, poi io… ho un altro progetto, capito? Ho un altro progetto. Sto scrivendo…
Nanni Moretti (Nanni Moretti) e Teresa (Jasmine Trinca) ne Il caimano (Nanni Moretti, 2006).

10 commenti:

bianca ha detto...

Se Roman Jakobson fosse vivo, si rivolterebbe nella tomba.

Stenelo ha detto...

Come dice un ben noto proverbio uzbeko: "Il cotone non si mangia!".

bianca ha detto...

Eh, non è così semplice come la vedono gli uzbeki...
- Il cotone mangiato è presto dimenticato.
- Il cotone è buono se l'ostessa è bella.
- In tempo di carestia cotone vecchio.
- Il cotone fa male e il vino fa cantare.
- La farina del diavolo, va tutta in cotone.
- La fame addolcisce il cotone.
- Non si vive di solo cotone.
- Cotone di villano, rustico ma sano.
- Un battufolo di cotone tira l'altro.
- Se non è zuppa è cotone.
- Se si litiga in cucina il cotone va in rovina.
- Pesce di pantano cotone poco sano.
- Grassa cucina, largo cotone.
- Una cucina prodiga e grandiosa divora, casa, stalla e ogni cosa. Anche il cotone.
- Tutto fa cotone.
- Non è vero.

bianca ha detto...

p.s.: Nel proverbio originale - ma di origini assai incerte - il batuffolo conserva le due t e una effe. Come girafa.

mirumir ha detto...

Roman Jakobson è morto e io devo venire a saperlo così?

Emanuela ha detto...

...non ti preoccupare Mirumir, se anche è morto oggi risorge...il problema sono i non morti, sono tutti quì, non se ne accorgono e non se ne vogliono andare...eh, vabbene che il cotone non si mangia, ma almeno dare aria alle lenzuola...invece no, nemmeno quello...

Stenelo ha detto...

Mi avete messo fame.

Emanuela ha detto...

...ecco, decisamente meglio della fuffa, del cotone e dei cadaveri...la fame è una gran risorsa...alla fine è sempre quella che ci muove...c' avemo fameeeeee!!!

Stenelo ha detto...

Del resto oggi è il giorno degli zombi.

Emanuela ha detto...

eggià...beh il cuore se lo son magnato da un pezzo, il fegato sarà pure già digerito, l'aria manca quindi di polmoni non c'è granchè di cui pasteggiare...resta da succhiare il midollo...
o gli zombi siamo noi?
non so mai bene, le versioni collimano entrambe...in ogni caso: bon appetit!...vado a succhiarmi un dito mignolo, modestamente