martedì 24 marzo 2009

Dacci un Taglio

Scrivere male, parlare male, dissertare di fenomeni tettonici nel bel mezzo di una cena di rettili, quant'è liberatorio e quanto me lo merito, espormi alla compassione altrui e poi insultare a destra e a sinistra, sputare mentre parlo, svenire indiscriminatamente, trasformarmi nell'incubo dei miei amici più disinteressati, mungere una vacca e poi gettarle in faccia il latte, come dice Nicanor Parra in un verso magnifico e anche misterioso.
Roberto Bolaño, "Letteratura + malattia = malattia", ne Il gaucho insostenibile, Sellerio, Palermo 2006, pp. 136-7.

2 commenti:

arcomanno ha detto...

Mi ricorda parecchio Amico Fragile di De André. Bello.

Poi il captcha è "putcoma". Non so se mi spiego.

alt ha detto...

Oppure, dato che per motivi di salute Bolaño non beveva un goccio di alcool, questa.