lunedì 9 novembre 2009

L'ultimo gioco in città (LE SCOMMESSE SONO CHIUSE)

XXXIII — A GAMBE LEVATE

In quel momento udimmo dei passettini strascicati sul pavimento. Mi voltai. Era Hitchcock, bello, roseo e rotondo, che mi veniva incontro a braccia tese. Non avevo mai visto neanche lui ma sapevo che mi aveva spesso lodato pubblicamente. Mi sedette accanto, poi pretese di stare alla mia sinistra durante la colazione. Con una mano intorno al mio collo, semisdraiato su di me, continuava a parlarmi della sua cantina, della sua dieta (mangiava pochissimo) e soprattutto della gamba tagliata di Tristana: “Ah, quella gamba…”.
Luis Buñuel, Dei miei sospiri estremi, SE, 1991.

Due stampelle a chi riconosce il film da cui è tratta questa inquadratura pazzesca.



ATTENZIONE: La partita si è conclusa giovedì 12 novembre alle 11.10. Il film da riconoscere era Broken Lullaby (Ernst Lubitsch, 1932). bianca si piazza in seconda posizione, ex-aequo con afasol (ma dove diavolo è finito?) tallonando il felino arcomanno.
La prossima sfida si terrà lunedì 16 novembre.


L'ULTIMO GIOCO IN CITTÀ.
GRADUATORIA
arcomanno: 17 stampelle.
afasol: 14 stampelle.
bianca: 14 stampelle.maxeramax: 3 stampelle.
YagaBaba: 3
stampelle.
gegio: 3
stampelle.
Andrea: 2
stampelle.

20 commenti:

miroslava ha detto...

Riconosce bianco e nero.
Riconosce infallibilmente situazione.
Riconosce gamba mancante e calzettone di eroica zia Clanfa.
Può essere solo commedia sentimentale Combattere! di Bruno Del Dan, con Vilmo Bluk e Susta Marussig (la bella Susta torna da guerra per scoprire che mansueto Vilmo - impiegato in fabbrica di pallottole - ha fidanzato sciocca cantante di coro Ludina: segue turbillone di lacrime, risate, vendette, celebri canzoni ed epurazioni politiche).

È essa?

Stenelo ha detto...

Hahahaha! Fregata! Sì, lo ammetto, il mio era un trabocchetto. Bianco e nero alla Del Dan, situazione tipica alla Del Dan, composizione dell'inquadratura caratteristica dell'inimitabile "Del Dan's touch". Non può essere che un film di Del Dan, si diranno i miei cari giocatori. E invece: nau! Sorpresa!
Grazie quindi signorina Miroslava per aver sgombrato il campo.

bianca ha detto...

Ambè, sgomberato il campo da Del Dan non resta che
Ernest Lubitsch:
"L’uomo che ho ucciso" (Broken Lullaby o The Man I Killed, 1932).

miroslava ha detto...

Disdettina.

Piccolo rimprovero a Miroslava in Casa del Popolo numero 5, dove aspettava frementi prestigioso premio. Fortuna volle che poi tutti distratti da spettacolare caduta di Sami Peterlin da albero di caco.

Grazie, Signor Stentubo, per bei giochi: importante non è vincere, ma prendere bandiera di competitività.

Stenelo ha detto...

bianca: in effetti, ma colgo l'occasione per ribadire che "Combattere!" non merita la fama di "boiata pazzesca".
miroslava: spero che il caco non abbia subito lesioni.

bianca ha detto...

Il cacao ha anche tutta la mia simpatia, che con l'arrivo del freddo la cioccolata è troppo buona!
Per il resto... ealcinemavaccitu!
Grazie del gioco :)

bianca ha detto...

p.s.:
Ehm, uhm e mettici pure due due colpi di tosse:
dalle mie parti la cioccolata si fa anche dall'albero del kaki, sia chiaro, e il cacao cresce in alberi alti come sequoie!

arcomanno ha detto...

Uhm, Bianca, emmobbasta però, se no va a finire che mi superi!
No, scherzo: i miei complimenti. Del resto io tricho gugglando spietatamente, di film ne ho visti pochi (soprattutto anteriori al 1970).

Grazie anche da me, Signor Stentubo (questa è bufisima! ahahah!) e una domandina per la signorina Miroslava: la "bandiera di competitività" è qualcosa di simile a ciò che qui chiamano "baruffa d'onore"?

miroslava ha detto...

Albero di caco sta bene, ma purtroppo scaletta di legno ha fratture multe. Sami Peterlin ringrazia di vostra preoccupata sollecitudine (io lui ho detto bugia innocente).

Signor Arco, bandiera di competitività è premio per raggiungimento di quote di produzione in locali fabbriche. Direttore di fabbrica tiene discorso edificante, poi divide lavoratori in due squadre, mette se stesso in mezzo e dice: "bandierina di competitività numero... UNO!" (o numero che vuole, ma è quasi sempre uno). Segue piacevole zuffina.

È essa? Anche io ho cuclato, ma niente baruffa d'onore.

bianca ha detto...

Arco, aprire i pdf no, eh? D'acc.
Disponibile per corso accelerato di gugolaggio*, a prezzi politici.(tiè)
:D

*trad. per M.: cuclaggio.

Stenelo ha detto...

A' Arcoma', a' Bia', a' Mirosla': per tutti voi ho solo 'na risposta.

miroslava ha detto...

Ikesensuo? Interessa: nome di mobiletto moderno di Ovest? Vecchio regista scollacciato di lontano Est? Strumento musicale con poche corde? Gioco di enigma con numeri? Marca di vestiti costosi su toni grigetti?

Stenelo ha detto...

Ma insomma, basta! Questo è un blog serio! Un blog in cui si parla di cose serie! Si parla di… di…
di…
Di.
E va bene.
Avete vinto.
Questo non è un blog serio. Quasi duecentocinquanta post, ed ecco il risultato.

arcomanno ha detto...

Caro Signor Stentubo (ariahahahah!) il blog diventerà serio quando leggerò un post in difesa di... che so, mettiamo "Formigoni". Un post così, un po' a cazzo di cane, un po' dadaista, un po' che figo, eh?. Allora diventerà un blog serio e Lei potrà ambire agli onori della "blogosfera" (sì sì, proprio così).

Oh, poi qui comunque non ci si capisce un tubo! Bianca, di quale .pdf va parlando? Esiste un pdf che mi fa recuperare 50 anni di lacune di cinema? Magari! Ma temo che sarebbe un .pdf troppo lungo da leggere!

@ Miroslava: no, allora la "baruffa d'onore" è un po' diversa. Diciamo che nel Kolkhoz si organizza il settimanale torneo Stakhanov. Mettiamo che arrivino in finale Evgenij e Yurij. Mettiamo che Evgenij sia alto 1.89 e che le sue braccia possano mietere il grano senza bisogno della falce (che pure ha). Diciamo che Yurij è basso, mingherlino (infanzia con grave carenza di vitamina A e B12) e manca di tre dita alla mano sinistra. Mettiamo che il Commissario al Torneo proponga a Yurij di ritirarsi per evitare una cocente sconfitta (nonché un quasi sicuro prepensionamente per motivi di salute). Ma ecco che Yurij non ci sta e si ingaggia in una battaglia disperata che perderà certamente ma gli permetterà di aver salvo l'onore.

miroslava ha detto...

Stimabile Signor Arco, questo in PBD non è, ma zia Gricia spesso racconta storia simile accaduta in grande Unione indistruttibile di repubbliche: Zaskudin è alto e mascolo, Solovev magrino e con carenze. Zaskudin dichiara guerra a Solovev, e che lui fa questo e quello e questo altro ancora, non solo con falce ma anche con martello! Oste Borodin cerca di convince Solovev a rinuncia, che lui le prende e così e cosà, ma niente. Solovev non sta.
Giunge ora di battaglia disperata.
Zaskudin però non presenta.
Solovev sì.
:-)

Piccolo segreto: Solovev ha fatto piccola telefonata notturna a KGB.

Stenelo ha detto...

@ Arco: Ottima idea! Sono stufo di urlare a squarciagola che l'autore di questo blog è uno stronzo! D'ora in poi voglio essere più allusivo, ne apro uno nuovo con l'url (ma sempre sottovoc, perché questo è il 2.0 che ci piace fare) lassativodicitrosodina.burp e il primo post lo intitolo (atenti! ariva la batuta!) "In difesa di, gasp, arri" (bufisima!!).
@ signorina Miroslava: la zia Gricia è ottima, ma difficile da cucinare. L'oste Borodin stava nel "Signore dei vinelli", ma il suo ruolo è stato dismesso al montaggio, ahinoi.

arcomanno ha detto...

Signor Stentubo lei è bufisimo davero! gasp.arri è la batuta del secolo! Propongo post immediato su friendfeed.

@ Miroslava: questa "baruffa mancata" è una variante interessante e originale di quella d'onore. Prenderò nota anche del piccolo segreto.
E comunque, l'origine etimologica della Baruffa d'onore è nascosta dentro colui che già da un pezzo avrebbe mandato affanculo tutti quanti!

PS: mi scuso con il proprietario del serissimo blog per il francesismo.

Stenelo ha detto...

esufistfuckingvaccitu.
(Oh, tutto il resto del commento non l'ho capito, mi è sfuggito pure il francesismo, anzi, mi è scappato.)

arcomanno ha detto...

E ma infatti: non l'hai capito ma non hai adottato il francesismo ("vaffanculo"). Tu sei troppo buono, lasciatelo dire.

OT: ahò, ma co 'sto gugolguèiv che diamine ci si fa? Se ti pingo poi che succede?

Stenelo ha detto...

Succede che te ripongo!